Camelot e CIDAS, la fusione è realtà

cof

Nel pomeriggio di oggi venerdì 27 luglio 2018 le Socie e i Soci della cooperativa sociale Camelot si sono riuniti al cinema Apollo per votare in merito alla fusione con la cooperativa sociale CIDAS, ultimo passaggio dell’iter previsto dalla legge per ufficializzare il progetto che vede impegnate le due Cooperative ferraresi da febbraio 2018.

I 115 Soci di Camelot rappresentati nell’Assemblea Straordinaria si sono espressi all’unanimità a favore della fusione. Il via libera della votazione dei Soci di CIDAS, avvenuta nello stesso pomeriggio, ha trasformato il progetto in una realtà effettiva, che diventerà operativa a partire da dicembre 2018.

Come spiega Carlo De Los Rios, Amministratore Delegato di Camelot:
“Con l’approvazione della Fusione da parte delle due Assemblee dei Soci di Camelot e CIDAS, si è concluso il percorso che abbiamo intrapreso a inizio 2018. E’ stato un lavoro intenso e condiviso con i nostri Soci e Lavoratori, che ci ha permesso di arrivare ad oggi con la piena consapevolezza di ciò che è stato fatto e ciò che si dovrà fare.
La fusione sarà effettiva da dicembre, quando avremo una nuova Cooperativa Sociale che sarà un’opportunità per noi cooperatori ed anche un’importante risorsa per i territori in cui operiamo.
Questo ci permetterà di guardare al futuro con rinnovata solidità e capacità di interpretare le sfide poste da una Società in rapida trasformazione”.

LA NUOVA COOPERATIVA CIDAS IN SINTESI

DIPENDENTI delle due cooperative assieme (dati al 31/12/2017): 1518, di cui 1102 Soci

FATTURATO PREVISTO: 55.000.000 € di fatturato previsto nel 2018.

TERRITORI: 4 regioni e 9 province
Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia nelle Province di Bergamo, Bologna, Ferrara, Ravenna, Padova, Parma, Piacenza, Rovigo, Trieste.

SERVIZI: la nuova Cooperativa è presente nei settori Anziani, Socio – Assistenziale, Educativo, Trasporto Sanitario (in proprio o in committenza con le AUSL, le Aziende Ospedaliere, le Amministrazioni Comunali e le ASP), Disabilità, Inclusione e Lavoro, Accoglienza ed Integrazione, Mediazione interculturale e Insegnamento dell’italiano agli stranieri, Servizi integrati per l’immigrazione, Servizi per la riduzione del danno nella prostituzione e di supporto alle vittime di tratta, Mediazione Sociale, Progettazione locale, nazionale ed europea.

sdr